Le mani che impastano semola, acqua, sale. Tre semplici ingredienti che formano piccoli panetti tondi e profumati, fragranti, soffici a tratti croccanti. Sanno di buono. Una conoscenza che ha più di diecimila anni, che ha nutrito popoli diversi, sfamato nazioni in periodi di crisi, attraversato lo spazio e il tempo per arrivare ai nostri giorni, sulle nostre tavole, a deliziarci ancora come allora.

Le mani del nostro chef Nicola che accuratamente, ogni giorno impastano, infornano e sfornano quattro tipologie di panetti, piccoli, simpatici, buonissimi: un classico panetto caldo alla semola, un altro alla crusca e noci, il vicino con un buco al centro e un datterino al suo interno e poi ancora la sfogliatella croccante alle cipolle e per finire una focaccina pomodori e olive.  Da Ego ci accolgono cosi, come in un abbraccio caldo che profuma di cose autentiche e genuine: “il pane” da inzuppare nell’olio extravergine d’oliva.

“Si comincia dal pane, anche l’universo stesso” diceva un antico detto di Pitagora.

Nel pane coesistono i quattro elementi dell’universo: la terra che dà il frumento, l’aria che si forma con la lievitazione, l’acqua che serve ad impastare e unire gli ingredienti, il fuoco per la sua finale trasformazione.

EGO non è un ristorante tradizionale, lo si intuisce anche da questo.

Ti aspettiamo per deliziarti con il nostro pane e i nostri nuovi menù ed esperienze

Clicca qui per prenotare il tuo “incontro col gusto”.